Zeppole di San Giuseppe fritte

Click here for English version

 

Zeppole-di-San-Giuseppe 1

Le zeppole di San Giuseppe sono il dolce tipico della festa del papà, che in molti paesi di religione cattolica si festeggia il giorno di San Giuseppe. Sono dolci fatti con pasta choux fritta e poi farciti di crema pasticciera e amarene sciroppate. Il 19 marzo le pasticcerie napoletane e non solo, si riempiono di questo gustosissimo dolce che per tradizione deve essere rigorosamente fritto, anche se in molte zone della provincia si possono trovare le zeppole cotte al forno, versione light ma altrettanto gustosa.

Di seguito la ricetta per prepararle a casa:

Ingredienti:

Impasto per 15 zeppole
250 ml di acqua
70 gr di burro
150 gr di farina
3 uova
50 gr di zucchero
un pizzico di sale
1 cucchiaio di liquore strega o limoncello o grappa
Abbondante Olio Per friggere

Per la crema
500 ml di latte
2 tuorli
250 gr di zucchero
70 gr di farina
1 buccia di limone

Per guarnire
zucchero a velo
Amarene sciroppate oppure ciliege canditeZeppole

Preparate l’impasto delle zeppole:

Portate a bollore l’acqua con un pizzico di sale e il burro (foto 1) che deve sciogliersi completamente prima che l’acqua raggiunga il bollore. Appena raggiunta l’ebollizione, incorporate la farina tutta in una volta dopo aver abbassato la fiamma e, mescolando energicamente, otterrete un composto denso e colloso; continuate a mescolare finchè la “polentina” si stacca dalle pareti della casseruola con un leggero sfrigolio (foto 2), come se friggesse. Togliete la pentola dal fuoco, aggiungete lo zucchero e continuate a mescolare per amalgamare il tutto. Allargate l’impasto su un piatto o un tavolo di marmo per farlo raffreddare (foto 3)zeppole1dopodichè aggiungete le uova, uno alla volta (foto 4), facendole amalgamare perfettamente (foto 5) e il liquore (foto 6). zeppole2Ritagliate dei riquadri di carta da forno, mettete il composto in una sacca da pasticcere con bocchetta a stella e formate su ogni riquadro di carta un dischetto di pasta del diametro di 6 cm con un movimento a spirale, sovrapponendo un anello di pasta solo sul lato esterno come per formare una scodellina (foto 7). Passatele in forno a 190°C per una decina di minuti, giusto il tempo che si gonfiano leggermente e si forma una leggera crosticina che impedirà, durante la frittura, che la zeppola assorba troppo olio. In una padella antiaderente portate a temperatura abbondante olio per friggere. Quando l’olio è bollente mettete un paio di zeppole per volta immergendole con tutta la carta da forno (foto 8) che verrà eliminata, con l’uso di una pinza da cucina, appena le zeppole si staccheranno (foto 9). zeppole3Rigirate le zeppole più volte nell’olio caldo fino alla completa doratura (foto 10), quindi sgocciolatele con una schiumarola e mettetele su più fogli di carta assorbente da cucina per far scolare l’olio in eccesso (foto 11). Una volta fritte tutte le zeppole fatele raffreddare.

Nel frattempo preparate la crema: mischiate lo zucchero con la farina, sbattete leggermente i tuorli e sempre mescolando con un cucchiaio di legno aggiungete a cucchiaiate il miscuglio di zucchero e farina, se diventa troppo duro aggiungete un goccio di latte tiepido prima di continuare.
Quando avrete incorporato tutto lo zucchero aggiungete il restante latte, trasferite il tutto in una pentola, aggiungete la buccia di limone e portate ad ebollizione a fiamma dolce sempre mescolando, fate sobbollire per qualche minuto spegnete e togliete la scorza del limone altrimenti la crema prenderà un sapore amaro. Lasciatela raffreddare girandola di tanto in tanto per non far formare la crosticina in superfice.
Mettete la crema pasticcera in una sac a poche e formate dei ciuffetti al centro delle zeppole (foto 12), aggiungete un’amarena sciroppata sulla sommità, o una ciliegia candita e spolverizzate con zucchero a velo.

Questo articolo è stato pubblicato in Campania, Dolci, Dolci fritti e contrassegnato come , , , , , , da Madame X . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Madame X

Eccomi qua, moglie e mamma amo cucinare, viaggiare, esplorare. Amo viaggiare, scoprire posti nuovi, raccontare, ricordare e condividere le esperienze di viaggio, i miei preferiti sono i percorsi enogastronomici. Innamorata del Bel Paese desidero, con questo blog, condividere con voi le mie conoscenze e passioni… Adoro sperimentare, creare e reinventare i piatti della tradizione italiana soprattutto quelli che mi sono stati tramandati da mia madre. Amo il buon vino, abbinato in modo ideale penso sia il trucco per esaltare il gusto di qualsiasi portata.